#rosa nera
Photos and Videos about #rosa nera

“ L'ho dipinta di nero. So che non ti piacciono le cose normali.”

ic_web Created with Sketch. blood-and-dust
ic_visibility Created with Sketch. 5 notes

Black rose.

ic_web Created with Sketch. coleichecercavalaliberta
ic_visibility Created with Sketch. 6 notes

Sei la mia rosa nera. Unica, rara e speciale. Quindi asciugati le lacrime, vali più di cento patetiche rose rosse messe assieme.”

- mio fratello.

ic_web Created with Sketch. quellapersacomealice
ic_visibility Created with Sketch. 221 notes
ic_web Created with Sketch. laragazza-dalcuore-infranto-blog
ic_visibility Created with Sketch. 0 notes
ic_web Created with Sketch. laragazza-dalcuore-infranto-blog
ic_visibility Created with Sketch. 1 notes

“Ridi sempre, ridi, fatti credere pazzo, ma mai triste. Ridi anche se ti sta crollando il mondo addosso, continua a sorridere. Ci son persone che vivono per il tuo sorriso e altre che rosicheranno quando capiranno di non essere riuscite a spegnerlo.”

ic_web Created with Sketch. colpa-delvino
ic_visibility Created with Sketch. 149 notes

August, 15 2018


Nei miei difetti

ho trovato una verità

molto più profonda

è da loro 

che sboccia

una rosa nera


ic_web Created with Sketch. thecountessus
ic_visibility Created with Sketch. 19 notes

“L'ho dipinta di nero.
So che non ti piacciono le cose normali."🌹🖤”

ic_web Created with Sketch. thedarksideeof-themoon
ic_visibility Created with Sketch. 8 notes

Ammorbidente byzantium di tesori d'oriente, buonissimo. Lo consiglio a tutti!

ic_web Created with Sketch. angelina-witch
ic_visibility Created with Sketch. 2 notes

Perché da me si va solo via…

ic_web Created with Sketch. innamorata-delle-tenebre
ic_visibility Created with Sketch. 42 notes

Le rose nere non lasciano che le erbacce prendano il sopravvento.

Nimue

ic_web Created with Sketch. carapiccolanimue
ic_visibility Created with Sketch. 25 notes

Io sono una rosa. Precisamente una rosa nera. Tutto ha inizio da quel maledettissimo studio di psicoterapia. Sapete come sono gli psicologi. Si inventano storie sul “Io ti voglio solo aiutare” o “non è solo il mio lavoro è il mio cuore che dice di far qualcosa per gli altri.” Ok io in quello studio stavolta non ci volevo finire. Sono stata catapultata dentro. Non volevo più avere niente a che fare con la vita. Volevo solo lasciarmi andare. Punto.

<Allora oggi perché sei qui?> <Me lo dica lei dottoressa.>

Nonostante tutto accettai l’aiuto esterno di una qualsiasi di cui non gliene frega niente di te ma dei suoi 50 euro settimanali, mettiamola così. Era qualche mese che oramai andavo. Non parlavo un granché, non avevo niente da dirle. Non parlo ai miei, ai miei amici, perché avrei dovuto a lei? Allora decise che era arrivato il momento dei disegnini e cose varie. Così, mentre disegnavo, parlavo. Ottimo metodo di studiarmi. Infallibile direi. Un giorno prese un grossissimo libro di psicanalisi e lo aprì. E cominciò il nostro viaggio. <<Immagina un’ambiente, un posto>> E io disegnai il mare, il mare tempestoso, grigio come non mai. Un cielo altrettanto grigio, con le nuvole. Disegnai poi una spiaggia desolata, solo erbacce e rovi.

<Immagina un cespuglio. Ci sono fiori? È spoglio?>

Ci disegnai un cespuglio e rose, rose rosse, spinose rose rosse. Era l’unico cespuglio in mezzo ai rovi.

<Qualcuno se ne cura, è abbandonato?>

Disegnai un ragazzo che lo innaffiava.

Questo era lo scenario. Mi chiese se veniva innaffiato spesso. Dissi di no. Dissi solo quando se ne ricorda.

Era tutto così triste. Io ero triste.

Mi guardò e mi disse: <Il cespuglio con le rose sei tu. Ma stai morendo, qualcuno ti innaffia ma solo quando ricorda che ci sei. Sei spinosa, ma assolutamente bellissima.>

La settimana dopo tornai con una rosa nera tatuata al braccio. Per non dimenticare che i periodi brutti, quel mare in tempesta, quel cielo morto, passa. Si sarebbe calmato prima poi. Per non dimenticare che sono un bocciolo spinoso, che alludono i traumi, i dispiaceri, l’ansia, l’angoscia, il mio carattere spigoloso e assolutamente inavvicinabile. Per non dimenticare che diventerò rossa, come la passione, come l’amore, come sono veramente. Per non dimenticare che mi aprirò. Che tornerò a sorridere. Perché non mi sono mai arresa. E mai lo farò.

ic_web Created with Sketch. aaltumoculos
ic_visibility Created with Sketch. 20 notes

C’era un rosa… era nera, in mezzo a tante rosse. Tutte le altre rose la tenevano in disparte, perché tutti hanno paura di una rosa nera. Chissà cosa ha subito e chissà cosa l’ha cambiata. Le gridavano “sei marcia dentro” ed era vero, era marcia dentro, morta dentro. Aspettava qualcuno che la salvasse….ma nessuno era disposto a farlo poiché troppo occupato a guadare l’esterno.

Innamorata-delle-tenebre

ic_web Created with Sketch. innamorata-delle-tenebre
ic_visibility Created with Sketch. 123 notes
ic_web Created with Sketch. neverlookbackohye
ic_visibility Created with Sketch. 2 notes

E di te cosa mi rimane?
Solo una rosa nera…

ic_web Created with Sketch. solounarosanera
ic_visibility Created with Sketch. 2 notes

10, 100 …

@poihmasoureal

ic_web Created with Sketch. agonh-siwph
ic_visibility Created with Sketch. 36 notes
ic_web Created with Sketch. aithanolh
ic_visibility Created with Sketch. 1419 notes

Chania (Crete): Solidarity With the Rosa Nera Squat

During the last years all the governments have carried out several campaigns of elimination of the self-managed spaces. What they want to achieve is that we find ourselves only in our homes, in the cafes, in the bars and in the shopping centers. That is, they want us to be just consumers and customers.

Consequently, the offensive that Rosa Nera is facing in Chania is not fortuitous. The Rosa Nera building belongs to the Polytechnic School of Chania, and for thirteen years has been a place of struggle and emblematic culture, also covering roofing needs. In its facilities the tireless people who have worked hard to give life to the building have created a theater, a library and reading room, a space for presentations (of artistic creations), a children’s park, a construction workshop, a space in which is a bazaar of gifts, an oven for the production of artisinal bread and coffee.

In these thirteen years hundreds of events, concerts, presentations, debates, workshops, parties, cafes to support collectives and actions have been organized. All have had an anti-mercantilist character. It was recently learned that the rector of the University of Crete, Basilio Digalakis, in the framework of the expropriation of the University’s fortune convened a competition in order to convert the squatted building into a hotel. From the beautiful view from the Kasteli hill, where the squat is located, you can enjoy only those who have a full pocket.

It is logical that governments want to deprive us of all the places in which we organize. It is logical that we want to resist by all possible means to this methodology. Our newly founded group calls for actions of solidarity and knowledge of the squat.

Hands off Rosa Nera.

More information about Rosa Nera: http://rosanera.squat.gr/

ic_web Created with Sketch. fuckyeahanarchistposters
ic_visibility Created with Sketch. 18 notes

Ma vedete che non è una mia fissazione quelle delle rose nere. Sapete il vero motivo? No, nessuno lo sa.
Se tu ti trovassi in un giardino di rose colorate, tanti colori, dal rosso al blu, al giallo, al bianco noteresti quella piccola rosa nera in mezzo a tanti colori? No. Non è ne accorgerebbe nessuno e nessuno la vorrebbe. Ecco il perché. Io scelgo ciò che non viene scelto perché so cosa significa non essere mai scelti.

ic_web Created with Sketch. solounarosanera
ic_visibility Created with Sketch. 26 notes